La nostra produzione editoriale web 2.0

il social network per il piano editoriale

il social network per il piano editoriale

Che cos’è
Di solito in un piano editoriale gli obiettivi sono strettamente connessi a “richieste” che provengono dall’alto … ovvero da chi definisce i termini economici dell’operazione legata al contenuto che vogliamo erogare. Per esempio un programma televisivo musicale può avere come scopo commerciale lo share e quindi l’obiettivo editoriale connesso è riuscire a coinvolgere la nicchia dei “giovanissimi appassionati di musica Hip Hop”. Di qui la scelta di soluzioni ad hoc quali l’uso di un certo tipo di linguaggio e di codici visivi propri della cultura Hip Hop (ad esempio nelle grafiche della trasmissione, nella scenografia e nell’abbigliamento del conduttore).

 ”la pianificazione è una nuova varietà del peccato di presunzione.” Jacques Maritain

ITACA

 ITACA

Se ti metti in viaggio per Itaca augurati che ti sia lunga la via, Piena di conoscenze e di avventure. Non temere Lastrigoni o Ciclopi o l’irascibile Posidone: Nulla di ciò troverai mai per strada se mantieni elevato il pensiero, Se un’emozione eletta ti tocca il corpo e il cuore. Non incontrerai Lestrigoni e Ciclopi né Posidone l’arcigno Se non li porti dentro, nel tuo cuore, Se non è il cuore ad alzarteli davanti. Augurati che ti sia lunga la via. Che siano molti i mattini estivi in cui soddisfatto e felice Entri in porti mai visti prima; Fai scalo negli empori dei Fenici e acquisti belle mercanzie, Madrepore e coralli, ebani e ambre, e ogni sorta d’aromi voluttuosi, Quanti più aromi voluttuosi puoi; E va in molte città d’Egitto, a imparare, imparare dai sapienti. Tienila sempre in mente, Itaca. La tua meta è approdarvi. Ma non far fretta al tuo viaggio. Meglio che duri molti anni; E che ormai vecchio alla tua isola attracchi, Ricco di quel che guadagnasti per via, Senza aspettarti da Itaca ricchezze. Itaca ti ha donato il bel viaggio. Non saresti partito senza lei. Questo solo ha da darti. E se la trovi povera, Itaca non ti ha illuso. Sei diventato così esperto e saggio Che avrai capito cosa vuol dire Itaca. Costantino Kavafi

Come
Pianifichiamo, per una forma di rispetto, da un lato verso tutto ciò che è di fatto quel “fuori” che dovrebbe ricevere la nostra “pubblicazione” (persone, sistemi, l’ambiente) così da ridurre un po’ della superbia del produttore (“faccio quello che mi pare, poi se non serve o non verrà accettato chi se ne frega!”); dall’altro, verso chi “lavora” (e quindi fatica) nel produrre e pubblicare la “creazione”, per cercare il più possibile di gratificarli (economicamente nel senso più lato del termine).Tutto questo risulta molto difficile se a regnare è il caos. La nostra produzione editoriale è il nostro nuovo viaggio! Questa idea di dare alla luce i nostri contenuti, di renderli pubblici e fruibili da tutti, nasce dalla richiesta delle persone che incontriamo in aula ogni giorno. Da sempre, e vi assicuro che sono tante aule, mi sento chiedere dai partecipanti: Anna ma perché non scrivi un libro? Dove troviamo quello che ci racconti in aula? Non ho mai pensato di scrivere un libro, lascio questo lavoro a chi davvero l’ha scelto ed è sicuramente più bravo di me a teorizzare. Io, in questi anni, ho lavorato e lavoro per la semplificazione. I concetti portati in aula devono essere utili alle persone (metodo A.L.B.A.), che poi devono fare i conti con il quotidiano, che spesso, dentro la teoria proprio non ci sta! Ed è proprio a loro che dedico questo piano editoriale, alle persone che mi ascoltano. Quale migliore occasione che rendere pubblici i miei pensieri e quelli dei colleghi che come sempre si coinvolgono nelle mie idee folli. Ma la follia è la forza che ci rende vivi! In questo nuovo anno, Architettura Aziendale vuole regalare alle persone che ci conoscono già, un ripasso, e alle persone che incontreremo in questo viaggio le nostre personali idee, frutto di studi teorici e di vite personali e professionali incrociate. Siamo aperti a tutti i confronti e suggerimenti, perché per noi è importante conoscere il pensiero altrui, è ciò che ci rimette in discussione sempre. Non tollereremo giudizi fini alla sola svalutazione, ma sempre costruttivi. Il nostro obiettivo è permettere, attraverso i nostri contenuti, una riflessione. Un momento dedicato alla lettura organizzativa, quella che può essere utile per capire alcune situazioni aziendali e personali. Tutto quello che sarà pubblicato può essere ricondotto a tutti i nostri IO, come racconta Duccio Demetrio il padre teorico in Italia dell’Andragogia.
Struttura
Il piano editoriale di Architettura Aziendale sarà strutturato su cinque contenitori tematici: LE PAROLE ORGANIZZATIVE DALLA Z ALLA A VIZI E VIRTÙ ORGANIZZATIVE EMOZIONI E DINTORNI BENESSERE E SICUREZZA LE COMPETENZE DI SVILUPPO MANAGERIALE
Calendario
Le pubblicazioni avverranno secondo il calendario.
Noi ci stiamo regalando un sogno: ESSERE UTILI Ci auguriamo di condividerlo con voi stimolando la vostra curiosità all’approfondimento. Buon viaggio e siamo qui per confrontarci Vi aspettiamo numerosi